Marina Martorana è giornalista di attualità, autrice di manuali/saggistica e consulente di comunicazione
Articoli recenti

Articoli

Anche a Varese la cellula Associazione Luca Coscioni, inaugura domenica 14 ottobre

Liberi fino alla fine nella legalità: anche a Varese inaugura una cellula operativa dell'Associazione Nazionale Luca Coscioni

Domenica 14 ottobre 2018 , alle ore 16, nella Sala Montanari ( ex cinema Rivoli) di Varese evento inaugurale della Cellula Coscioni Varese, il nuovo importante riferimento territoriale per informarsi su tematiche nazionali relative ai diritti umani, di stretta attualità e non ancora tanto note.

L'incontro in Sala Montanari:
per discutere della delicata questione dell'eutanasia - dai punti di vista etici e legali - e del recente testamento biologico

I relatori:
- Avvocato Massimo Rossi ( legale di Marco Cappato nel processo per il DJ Fabo)
- Matteo Mainardi ( coordinatore della campagna Eutanasia legale in Italia)

Presenta Michael Muscolino, Presidente Cellula Coscioni Varese

Precisazione:
Non tutti ancora sanno che il 22 dicembre 2017 è stata approvata la Legge numero 219 ( che regolamenta il testamento biologico) , o comunque non ne conoscono bene i contenuti. Riportiamo i primi due articoli della suddetta per amor di chiarezza.

Art. 1
Consenso informato

1. La presente legge, nel rispetto dei principi di cui agli articoli 2, 13 e 32 della Costituzione e degli articoli 1, 2 e 3 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, tutela il diritto alla vita, alla salute, alla dignita' e all'autodeterminazione della persona e stabilisce che nessun trattamento sanitario puo' essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, tranne che nei
casi espressamente previsti dalla legge.
2. E' promossa e valorizzata la relazione di cura e di fiducia tra paziente e medico che si basa sul consenso informato nel quale si incontrano l'autonomia decisionale del paziente e la competenza, l'autonomia professionale e la responsabilita' del medico. Contribuiscono alla relazione di cura, in base alle rispettive competenze, gli esercenti una professione sanitaria che compongono l'equipe sanitaria. In tale relazione sono coinvolti, se il paziente lo desidera, anche i suoi familiari o la parte dell'unione civile o il convivente ovvero una persona di fiducia del paziente medesimo.

ll testamento biologico, o biotestamento, è quindi un documento legale redatto da una persona per specificare, in anticipo, i trattamenti sanitari da intraprendere in caso di impossibilità futura a manifestare la propria volontà a causa di malattie e altre condizioni invalidanti. I suoi cari sapranno così come comportarsi per rispettare la sua volontà. Il tutto all’interno di una relazione trasparente e informata tra medico, paziente e familiari.
I testamenti biologici sono raccolti e conservati nei Comuni di tutta Italia.

Per informazioni, scrivere a : cellulavarese@associazionelucacoscioni.it

 

 

Incontro con Marco Cappato (e il biotestamento): il 30 settembre a Besnate (VA)

Un libro per aiutarci a scegliere il nostro futuro. Marco Cappato presenta nel varesotto il suo "Credere, (dis)obbedire, combattere”

Focus dell'interessante incontro di domenica 30 settembre, ore 16, nella Sala Consiliare del Comune di Besnate (VA) sarà il Testamento biologico.

Una grande conquista civile, una battaglia portata avanti per anni da Marco Cappato (e dai Radicali dell'Associazione Luca Coscioni) che si è concretizzata in legge lo scorso dicembre. Si tratta di una perla legislativa ancora poco nota, fatto che ha indotto l’Amministrazione besnatese a intraprendere questa iniziativa per informare in maniera compiuta e diffusa la cittadinanza sull’istituzione del Registri.

Il testamento biologico, o biotestamento, è un documento legale redatto da una persona per specificare, in anticipo, i trattamenti sanitari da intraprendere in caso di impossibilità futura a manifestare la propria volontà a causa di malattie e altre condizioni invalidanti. I suoi cari sapranno così come comportarsi per rispettare la sua volontà. Il tutto all’interno di una relazione trasparente e informata tra medico, paziente e familiari.

I testamenti biologici sono raccolti e conservati nei Comuni di tutta Italia.

L'evento, organizzato dall'Assessore alla Cultura di Besnate Giuseppe Blumetti, non poteva che avere come ospite d'onore Marco Cappato e il suo libro “Credere, (dis)obbedire, combattere” (Rizzoli editore) in cui l'autore spiega che “l'obiettivo non è violare le regole, ma cambiare le regole”. Il testo tratta di eutanasia e testamento biologico (concetti ben distinti) ma non solo: droghe, sessualità, internet, genetica, scienza e diritti umani. Puntualizzando le molte norme che, in diversi campi, minacciano la libertà di scelta, criminalizzano comportamenti diffusi e realtà sociali ineliminabili.

Domenica prossima a Besnate ne parleranno, insieme a Marco Cappato, l'assessore Giuseppe Blumetti e l'avvocato Stefano Tonelli

 

 

Comunicare non è un’improvvisazione ma una scienza

Tempo fa ho scritto per la testata on line  www.outsidernews.net  questo articolo che ripropongo anche sul mio blog,  perché mi sembra che di (vera) comunicazione si parli troppo poco

Comunicare? Non è un'improvvisazione. Ma una scienza con tecniche, metodi, regole

E' come minimo curioso che in Italia la comunicazione (professionale) non sia ancora tanto nota. Gran parte la intende come ufficio stampa, ovvero l'impostazione di un rapporto diretto con i media per diffondere le notizie aziendali. Altri la confondono con le PR, pubbliche relazioni, che in realtà consistono in un metodo che oscilla dal corretto cortese al super lecchino per acquisire e mantenere buoni rapporti con quanti di proprio interesse. Ci sono poi quelli che si ritengono assolutamente socievoli e quindi autosufficienti in materia. E magari lo sono pure al Bar Sport con gli avventori o a cena a casa di amici, ben diverso interfacciarsi con un top manager per una trattativa commerciale. E ancora, alcuni non hanno proprio idea che i modi di parlare, scrivere, comportarsi incidano nei loro rapporti di lavoro. E spesso li determinino.

La metafora sta proprio nella storia della comunicazione, con l'aneddoto della nave di Teseo. Nell'antico mondo greco, in cui gli eventi si intrecciavano con leggenda e mitologia, ricordiamo la morte di re Egeo, suicida per via di un errato messaggio, pervenutogli a distanza. Il figlio Teseo, infatti, al ritorno via mare dall'impresa vittoriosa contro il Minotauro, aveva dimenticato di sostituire le vele nere con quelle bianche. Segnale concordato in precedenza per far intendere da lontano al padre, in sua attesa sulla terraferma, che la missione era riuscita e lui era salvo.

La precisione, essere o imparare a essere precisi, non a caso è una delle tante tecniche della comunicazione.

Non se la prendano i pochi e veri esperti, noi giornalisti scriviamo per il vasto pubblico. O meglio, cerchiamo di diffondere informazione proprio nei settori meno conosciuti.

Comunicare, si sa, è un'esigenza che nasce nella notte dei tempi. E si è evoluta di pari passo alla Storia: dai segnali di fumo gestiti con fiamma più alta o bassa, intensa o tenue della Mesopotamia datata 3500 a.C. alla odierna tecnologia, con la digitalizzazione e i social.

Questo significa, semplicemente, che la comunicazione viaggia in ogni senso al ritmo dell'attualità.

Piccola parentesi etimologica: la parola comunicazione deriva dal greco antico koinòs, che significa ‘mettere in comune’. e poi dal latino, cum (con) e munire (legare, costruire) e ancora da communico, mettere in comune, far partecipe, che a sua volta deriva dall’aggettivo communis, comune, che appartiene a molti e significa anche affabile, cortese, come dal sostantivo: comunità, nazione, bene comune.

In sintesi, la comunicazione è un affascinante insieme di azioni, gesti, silenzi, parole scritte, verbali e non verbali, comportamenti, atteggiamenti che consente alle persone di intendersi, unirsi, scegliere percorsi appunto comuni. Come raccontavamo prima, l'esigenza umana di codificare i segnali per mandare messaggi è preistorica.

Facendo un grande balzo di secoli in avanti, dopo la rivoluzione industriale e la diffusione della psicologia, nei Paesi anglosassoni (Stati Uniti in testa) sono iniziati i primi studi: regole, metodi, tecniche, via via affinati e tuttora oggetto di continue evoluzioni. Così la comunicazione è diventata una scienza.

Ed eccoci in Italia dove, nei primi anni Novanta, è stata istituita la laurea in Scienza della Comunicazione. Tanto basic quanto introduttiva all'argomento. Che oggi è sviscerato in master, corsi, stage, workshop rivolti principalmente a imprenditori, manager e ai responsabili aziendali dei settori comunicazione, marketing, pubbliche relazioni, risorse umane.

Durante questi momenti di formazione i docenti insegnano l'approccio metodologico e scientifico ai canali di comunicazione. Forniscono, in pratica, gli strumenti per mettere in atto professionalmente l'efficacia del saper comunicare. Magari durante una negoziazione, nel public speaking, nel time management, nella gestione dei rapporti, nel problem solving.

E tra le tante materie e tematiche di apprendimento (naturalmente variano secondo il ciclo di lezioni scelto), per esemplificare non manca la morfopsicologia, lo studio della personalità attraverso i tratti del volto. Utile per capire subito il profilo caratteriale di chi si ha di fronte. Oppure, la comunicazione non verbale e le micro espressioni facciali, per leggere i messaggi di tensione, alto gradimento, noia, simpatia, rifiuto inviati inconsciamente dall'interlocutore. E, naturalmente, a comportarsi di conseguenza. Come anche per scoprire che esistono ben undici forme di domande e nove di colloquio. Non certo ultimo, focus sulle meta domande, ovvero le domande giuste. Mai generalizzare, è una forma errata di espressione: per gestire con successo un incontro bisogna saper utilizzare la precisione. Una tecnica, appunto. Non un'improvvisazione.