Marina Martorana è giornalista di attualità, autrice di manuali/saggistica e consulente di comunicazione
Articoli recenti

Archivi del mese: ottobre 2017

La sponda lombarda del Lago Maggiore versione thriller: ecco Verbano Rebus

Verbano Rebus - Comunicato stampa

Verbano Rebus è il terzo giallo della giornalista e scrittrice Marina Martorana, ambientato come gli altri due romanzi - Morte sul Verbano e Intrigo Internazionale sul Verbano - in provincia di Varese, lungo la sponda lombarda del Lago Maggiore e nei suoi dintorni.

Un'area lussureggiante detta anche Costa Fiorita, straordinariamente ricca di natura, arte e storia. Che si articola per una sessantina di chilometri, da Sesto Calende sino alla svizzera Locarno tra baie, spiagge e sempreverdi. Eppure non molto nota come meriterebbe. L'intento dell'autrice è di far conoscere questo angolo di italico paradiso con una narrativa alla portata di tutti. Sta infatti creando una serie di libri inseriti nell'affascinante cornice lacustre e con il medesimo staff di investigatori.

Trama Verbano Rebus:

Una bimba di cinque anni, sola, viene avvistata dal personale di bordo sulla nave traghetto Intra-Laveno. E' sera. La detective Teresa Leone si trova per caso su quel battello. E si interessa immediatamente della piccola per evitarle la triste esperienza degli assistenti sociali, da lei drammaticamente vissuta tanti anni prima, alla morte dei suoi genitori. Teresa chiede e ottiene l'affido temporaneo della piccola Delfina Sereni. Subito, con il suo braccio destro Rami Grondin e l'ispettore capo della Polizia di Varese, Luca Terenzi, partono le ricerche per rintracciare la madre, misteriosamente scomparsa. Dov'è  finita Carla Sereni? Inizia così un nuovo thriller lungo la sponda lombarda del Lago Maggiore (e in provincia di Varese) costellato da enigmi, violenza, crimini, segreti, morti ammazzati. Un susseguirsi di colpi di scena avvolti nella nebbia sino alla fine. Solo allora la verità  si profila per i lettori in tutta la sua crudezza.

Teresa Leone, la detective in blu:

Protagonista della serie è Teresa Leone, titolare dell'omonima agenzia investigativa privata e consulente della Polizia di Stato. La detective barese, rossa di capelli, rappresenta l'antitesi della femminilità. Una donna originale per diversi motivi. Spiccia e decisa, in primis veste solo ed esclusivamente di blu. Per praticità  acquista capi e accessori di questo colore, così non deve pensare ogni mattina agli abbinamenti. Zero make-up, non perde neanche tempo a truccarsi. Il suo fiore preferito? La margherita e in ufficio ce ne sono sempre tanti mazzi freschi. Teresa ha 50 anni ed è vergine, non è mai stata con un uomo a seguito di un' infanzia drammatica che l'ha sigillata in se stessa. Non sa cucinare neanche un uovo al tegamino. Ama l'arte, la storia, la letteratura, la natura. E la criminologia. Non ha neppure amici, ma tantissime relazioni professionali. La sua maggior debolezza è l'whisky e, una sua forza, controllarsi per non rischiare di restare vittima dell'alcolismo.

VERBANO REBUS - scheda libro

Autrice: Marina Martorana www.marinamartorana.it

Editore: Pietro Macchione www.macchionepietroeditore.it
( è possibile acquistare il libro anche direttamente dal portale)

Prima edizione: ottobre 2017

Collana: I Gialli

Genere: narrativa, thriller classico

Target: dai 15 ai 99 anni

Pagine: 211

Prezzo: 15 euro

Distribuito nelle librerie e nei principali bookshop on line

Italia da valorizzare: focus sulla sponda lombarda del Lago Maggiore

Promuovere il territorio. Una domanda che mi pongo sempre ( e non fatico a credere di non essere certo l'unica a pensarci) è questa: per quale motivo i nostri illuminati governanti non puntano concretamente sul turismo per rilanciare socio-economicamente l'Italia? E non mi pare neppure chissà quale ultrasofisticata strategia di sviluppo da menti eccelse: il nostro Paese - si sa - è universalmente ritenuto il top, un affascinante condensato di arte, storia, natura. Eppure non risulta prioritario promuoverlo, valorizzarlo, creare infrastrutture, attivare il wi-fi, abbassare tasse & balzelli a chi si occupa di turismo per consentire agli imprenditori di fare investimenti nelle strutture stesse e, non certo ultimo, per poter offrire al pubblico -  nazionale e internazionale - vacanze confortevoli a prezzi in relazione. Si sente spesso circolare la frasetta: " Vado al mare all'estero -  tra gli esempi Spagna/Baleari, Tunisia, Marocco, Grecia e isole - perché costa molto meno che in Italia a fronte di migliori alberghi e organizzazione". Purtroppo in linea di massima è vero.

E inutile, tra comuni mortali lontani da poltrone e logiche politiche, chiedersi il perché, come cantava Bob Dylan  the answer is blowing in the wind.  Detto ciò, naturalmente chiunque può far qualcosina per incentivare la conoscenza di italici luoghi bellissimi e poco noti.  A me è venuto in mente di scrivere romanzi gialli ambientati lungo la sponda lombarda del Lago Maggiore, in pratica ho usato un genere di letteratura alla portata di chiunque per presentare un lussureggiante territorio lacustre ricco di storia e di arte che merita assolutamente di essere molto più conosciuto e frequentato. 

Il terzo ( e nuovissimo) libro della serie è Verbano Rebus, edito come gli altri due - Morte sul Verbano e Intrigo Internazionale sul Verbano - dall'editore Pietro Macchione di Varese.  Va precisato che Macchione si occupa da anni di un aspetto importante: diffondere la cultura della ( e nella) provincia di Varese.  Il classico piccolo editore c'era una volta, senza sovvenzioni, finanziamenti e quant'altro, che da solo e con un forte impegno socioculturale riesce a pubblicare  50/60 volumi all'anno nelle varie collane.

La prima presentazione locale di Verbano Rebus sarà a Brebbia (VA) domenica 29 ottobre, ore 17.30, al lounge bar La Madonnina, in via Giacomo Matteotti 5.

Vale la pena fare un salto: la location dell'evento è proprio davanti alla fascinosa chiesa di Brebbia, monumento nazionale edificato e in seguito ristrutturato con marmo bianco di Angera, le cui origini affondano nell'ante-Cristo. Pare, affondando nella secolare notte dei tempi, vi sia stato un tempio dedicato alla dea Minerva.  W l'Italia.